mercoledì 10 maggio 2017

Riflessioni. Emozioni dolorose: tristezza e paura

Un’emozione è un evento sia mentale che fisico.
È una reazione psicologica automatica, che coinvolge mente e corpo. 
Le emozioni riflettono diversi aspetti della realtà e ci danno una nostra valutazione personale, una nostra risposta a essi: 
"mi fa bene o mi fa male"
“è per me o è contro di me”, 
“mi dà vantaggi o è dannoso per la mia persona”, 
“è da ricercare oppure è da evitare”.

Non ci sono emozioni negative e positive, ci sono solo emozioni. Negativa o positiva è solo la nostra reazione ad esse.



Paura e tristezza non vanno eliminate, non vanno evitate; ma accolte, vissute e comprese perché sono emozioni fondamentali per il nostro equilibrio e benessere psicofisico.

Smettere di sapere quello che proviamo vuol dire smettere di sperimentare il significato delle cose.


Possiamo imparare a riconoscere le nostre paure e accettarle.

Possiamo imparare ad ammettere quando siamo arrabbiati, e a parlarne tranquillamente.

Possiamo riconoscere quando soffriamo senza di fingerci indifferenti e chiedere aiuto se ne abbiamo bisogno.

Possiamo imparare a riconoscere e accettare le nostre emozioni senza perdere la testa.

Ma soprattutto dobbiamo imparare a chiederci: 
Che cosa stanno cercando di dirmi i miei sentimenti?


Pensare non è la soluzione a tutti i problemi, non è la panacea per tutti i mali, ma è un metodo importante e valido per conoscere se stessi e raggiungere così un equilibrio e un benessere nuovi migliorando un po la propria vita.

Ogni paura nasconde in sé il nostro più prezioso potere. 
Ognuno ha la paura che si merita perché in quel dolore c’è l’unica garanzia che non smetteremo mai di cercare. 
Anziché reprimere la paura dovremmo chiederci: cosa nascondeva la mia paura?
E una volta avuta la nostra risposta potremmo affrontarla e andare avanti.


Avere la tristezza nella nostra vita ci permette di riconoscere e provare la gioia.
Se viene repressa si crea una sorta di anestesia delle emozioni, un'apatia: non proveremo più dolore ma nemmeno gioia. Non ci sarà più il bianco, i colori e il nero; ma solo il grigio.

È importante dunque non reprimere le emozioni dolorose ma abbracciarle, accettarle, comprenderle e analizzarle per poter crescere e andare avanti più forti di prima.

Vi lascio riflettere con questa bellissima frase


Nessun commento:

Posta un commento